Ho intenzione di far costruire una casa in legno di pino lamellare (LVL) in Italia, con travi acquistate in un paese extra-Cee che non presentano una certificazione CE. Come posso procedere?

anonimo: Ho intenzione di far costruire una casa in legno di pino lamellare (LVL) in Italia, con travi acquistate in un paese extra-Cee che non presentano una certificazione CE. Mi hanno fornito le certificazioni ISO 8302. Inoltre le travi lamellari sono state prodotte con colla Tedesca certificata DGUV Test DIN EN ISO 9001:2008. Ritenete ci possano essere problemi?

ultimo aggiornamento
21.11.2016 (23.09.2016)
Nr.: 17631


Risposta team esperti Marco Luchetti:

In relazione all’argomento e in assenza di marcatura CE, le Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC2008) prevedono quanto di seguito:

11.7.10.2 Prodotti provenienti dall’estero

Gli adempimenti di cui al § 11.7.10 si applicano anche ai prodotti finiti provenienti dall’estero e non dotati di marcatura CE. Nel caso in cui tali prodotti, non soggetti o non recanti la marcatura CE, siano comunque provvisti di una certificazione di idoneità tecnica riconosciuta dalle rispettive Autorità estere competenti, il produttore potrà, in alternativa a quanto previsto al § 11.7.10.1, inoltrare al Servizio Tecnico Centrale del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici domanda intesa ad ottenere il riconoscimento dell’equivalenza della procedura adottata nel Paese di origine depositando contestualmente la relativa documentazione per i prodotti da fornire con il corrispondente marchio. Tale equivalenza è sancita con decreto del Presidente del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici. 

Quindi in altre parole, prima di un utilizzo degli elementi in LVL è necessario che lo stesso produttore si attivi presso il Servizio Tecnico Centrale del CSLP ai fini di un riconoscimento dell’equivalenza della procedura certificativa adottata nel paese di origine.


La mia domanda alla redazione...

Servizio gratuito di informazione tecnica. Condizioni del servizio.