Chiedo informazioni circa la correttezza della seguente stratigrafia (edificio in zona F): intonaco di calce; lastra di gessofibra; intercapedine impianti con isolante fibra di legno; pannello strutturale di legno mltistrato 106 mm; lana di roccia 80 mm; telo impermeabile e traspirante; listelli di abete grezzo; lastre cementizie 20 mm (tipo Femacell); intonaco di calce.

luca arnaboldi, SO (Architetto): Chiedo informazioni circa la correttezza della seguente stratigrafia (edificio in zona F): intonaco di calce; lastra di gessofibra; intercapedine impianti con isolante fibra di legno; pannello strutturale di legno mltistrato 106 mm; lana di roccia 80 mm; telo impermeabile e traspirante; listelli di abete grezzo; lastre cementizie 20 mm (tipo Femacell); intonaco di calce. Per il pacchetto tetto: perlinato di abete 22mm; freno vapore; lana di roccia 160mm; fibra di legno ad alta densità  19mm; telo impermeabile e traspirante; listoni di abete; assito di larice; listoni di abete per coperture in piode locali.

ultimo aggiornamento
05.11.2015 (22.06.2011)
Nr.: 12721


Risposta team esperti Günther Gantioler:

Le stratigrafie proposte sono molto buone, anche se secondo il nostro punto di vista lo strato coibente è troppo esiguo per un edificio in zona climatica F. Decisamente meglio sarebbero 16-18 centimetri sulle pareti, e 24 sul tetto. Se fosse possibile, utilizzi del materiale naturale come la fibra di legno, rispetto alla lana di roccia.

 


La mia domanda alla redazione...

Servizio gratuito di informazione tecnica. Condizioni del servizio.