Come è possibile migliorare acusticamente un appartamento mansardato?

alessandro baldiserri, RA (non assegnato: artigiano): Ho comprato un appartamento mansardato altezza massima 5,20m, cominciando a viverci ho riscontrato notevoli problemi di acustica probabilmente provenienti dal tetto in legno, premetto che vivo nelle vicinanze di una zona artigianale ma il rumore a finestra chiusa o aperta è lo stesso, anzi a finestra chiusa rimbomba, per rendere l'idea sembra di essere in una cabina di una nave sono riuscito a vedere la struttura del tetto che è formata da travi portanti, assito di 2.5cm, telo impermeabile, polistirene 4cm. regoli invitati di 3/4cm e coppi di copertura, la cosa strana è che da capitolato doveva esserci un'altro assito grezzo di 2/2.5cm+guaina bituminosa che non ci sono
la mia domanda è questa: a livello strutturale e acustico cosi descritto è a norma e soprattutto cosa dovrei fare per ottenere la migliore insonorizzazione possibile?
eventualmente è possibile intervenire anche dall'interno per insonorizzare?

ultimo aggiornamento
30.09.2014 (23.09.2008)
Nr.: 7994

Categoria: Acustica

Risposta team esperti Günther Gantioler:

Il tetto da lei descritto non rientra nelle richieste attuali di protezione freddo, caldo e acustico. Dipende pero, da quando ha acquistato l'appartamento. Le mansarde spesso non sono ufficialmente «žpraticabili» e pertanto non rientrano nelle specifiche richieste dalla legge.

Per migliorare la sua situazione potrebbe intervenire anche da dentro:

  • Assicurare la perfetta tenuta all'aria/al vento (mettendo adosso al tetto e parete fino agli attacchi delle finestre teli traspiranti nastrati)

  • Mettere 16 cm di coibentazione morbida fibrosa (p.e. fibra di legno, canapa, lino o knauf) dentro una struttura secondaria tipo cartongesso)

  • chiudere all'interno con doppio fibro-gesso

  • eventualmente cambiare le finestre (dalla sua descrizione non sembra che valgono molto)


La mia domanda alla redazione...

Servizio gratuito di informazione tecnica. Condizioni del servizio.