Come posso migliorare la capacità termica interna negli edifici in legno?

anonimo: A riguardo dell'isolamento estivo, leggendo in alcune riviste tecniche, ho notato che viene data particolare importanza alla capacità termica areica interna. Questo parametro definisce la capacità di assorbire il calore/energia dei primi centimetri di una parete interna, dovuto ai carichi interni (persone, elettrodomestici, ecc). In pratica è molto importante avere massa nei primi cm della parete per ridurre i picchi dei carichi di energia che le persone, cucine, elettrodomestici, ecc. producono. A questo punto sembrerebbe che le strutture in legno (sia a pannello che a telaio) siano penalizzate rispetto alle strutture pesanti in muratura. Vorrei un parere su quanto esposto e dei consigli su come intervenire per migliorare questo parametro ?

ultimo aggiornamento
24.02.2016 (07.01.2016)
Nr.: 16939


Risposta team esperti Ing. Alessandro Prada:

La capacità termica interna descrive l’attitudine dell’involucro ad assorbire e rilasciare la potenza legata agli apporti interni e solari. Questo è importante sia in regime invernale dove il massimo delle dispersioni è in ritardo rispetto al massimo degli apporti e diventa quindi importante la capacità di accumulo delle pareti per sfruttare gli apporti al fine di ridurre l’energia necessaria a riequilibrare le dispersioni. Questo effetto è però molto importante anche in estate. Una struttura con elevata capacità termica interna permette di immagazzinare parte degli apporti e far sì che questi non diventino immediatamente un carico da asportare con l’impianto di climatizzazione. Più veloci sono le variazioni degli apporti (ad esempio il ciclo giornaliero) e minore è lo spessore interno che viene impiegato nell’ accumulo e rilascio dell’energia. Per questo dunque nel funzionamento quotidiano dell’edificio sono più importanti i primi centimetri di spessore.

Per aumentare la capacità termica interna si ricorre a materiali che abbiano un’elevata massa specifica “materiali massivi”, un elevato calore specifico oppure aumentando lo spessore degli strati. Il legno da questo lato ha lo svantaggio di avere una massa specifica limitata ma, rispetto ad altri materiali, ha un calore specifico elevato. Di solito comunque si ricorre a materiali di finitura in grado di migliorare la capacità termica interna.

Sul mercato ci sono inoltre dei prodotti innovativi che sfruttano il cambiamento di fase per aumentare la capacità termica. Durante lo scioglimento/solidificazione di queste cere infatti vi è un notevole rilascio/accumulo di energia. 


La mia domanda alla redazione...

Servizio gratuito di informazione tecnica. Condizioni del servizio.