Cosa ne pensa della seguente soluzione per risolvere parzialmente il problema di massa e inerzia in una parete Xlam?

Marco Adorni, PR (Architetto): Sto progettando una monofamigliare di due piani + interrato con sistema xlam nella bassa parmense. Il problema principale di queste zone è il surriscaldamento estivo (unito all'elevata umidità ). Per quanto riguarda i pacchetti muro esposti a Ovest e Sud, avevo pensato di affiancare al pannello xlam da 85 mm una controparete in ytong (15 o 20cm) e uno strato (anche 4 cm) di fibra a densità  150 Kg/mq. Cosa ne pensa di questa soluzione per risolvere parzialmente il problema di massa e inerzia?

ultimo aggiornamento
05.11.2015 (21.07.2010)
Nr.: 10753


Risposta team esperti Günther Gantioler:

Ci sembra una soluzione complicata e probabilmente costosa che comunque non risolve al meglio il problema. Non perché il cemento cellulare non sia un materiale valido in sé (è comunque troppo leggero per garantire una massa in grado di fare da volano termico!) ma perché esistono soluzioni stratigragiche migliori! La struttura in X-lam da sola, è comunque già  sufficiente, ed ampiamente collaudata in quasi ogni clima.

Per quanto riguarda la riduzione del passaggio di calore estivo, consigliamo la seguente stratigrafia (dall'interno all'esterno).

  • intonaco interno su doppia lastra di cartongesso

  • intercapedine per gli impianti di 5 cm riempita di fibra di legno

  • struttura in legno a tavole incrociate tipo X-Lam

  • 16 centimetri di fibra di legno eventualmente di quella intonacabile, oppure

  • telo impermeabile antivento

  • facciata ventilata e rifininitura superficiale a piacere

 

Per quanto riguarda la risposta dinamica dell'edificio al variare delle temperature giornaliere, sarebbe consigliato avere delle masse interne consistenti e che davvero riescano a ritardare le oscillazioni di temperatura durante i mesi piö caldi. In quest'ottica, consigliamo solai massicci, ad esempio:

  • solaio strutturale in legno a tavole in crociate,

  • cemento cellulare 9 cm

  • strato di materiale fonoisolante

  • massetto armato 7 cm

  • pavimentazione, se possibile in piastrelle

 

Come vede questa è una soluzione che richiede spessori notevoli, ma che ha anche una massa e un abbattimento acustico da garantire le migliori prestazioni.

Il progetto dell'edificio dev'essere adatto al clima, per esempio con un progetto con meno del 10% di ore surriscaldate (metodo PHPP).


La mia domanda alla redazione...

Servizio gratuito di informazione tecnica. Condizioni del servizio.