Devo fare un tetto ventilato in legno in Sardegna a Cagliari. Di quanto deve essere la camera d'aria? Che tipo di barriera vapore devo usare?

Giovanni Saba, CA (Ingegnere): Avrei bisogno di un vostro consiglio: sono un ingegnere che si occupa di sicurezza, devo fare un tetto ventilato in legno in Sardegna a Cagliari. La pendenza dello stesso è del 24% (un po scarsa per un tetto ventilato) ma non posso modificarla. Mi è stata proposta una stratificazione di questo tipo: Barriera vapore - EPS 150 da 60 mm - camera d'aria - pannello fibra di leno da 15 mm e coppo portoghese. La mia domanda è di quanto deve essere la camera d'aria? Che tipo di barriera vapore devo usare? Quanto deve essere la camera di uscita nel colmo? Ho chiesto a vari produttori ed ho capito che nessuno è in grado di fare un correttpo dimensionamento, ma tutti vanno un po a spanne. Ed in rete non ho trovato nessun tipo di tabella o spiegazione su cui basare un ragionamento.

ultimo aggiornamento
10.10.2014 (15.01.2012)
Nr.: 13566


Risposta team esperti Günther Gantioler:

Un tetto in legno, per essere costruito a regola d'arte, nonché a norma di legge, deve soddisfare, oltre all'ovvio requisito di impermeabilità , tre problemi fisici differenti:
1) Termico: garantire un corretto comfort abitativo sia in estate sia in inverno.
2) Igrometrico: non avere problemi di formazione di condense interstiziali.
3) Acustico: isolare dal rumore esterno le persone che vi abitano all'interno.
Il tetto che le hanno proposto, non riesce a risolvere nessuno di questi tre problemi, probabilmente non soddisfa neanche le norme minime di legge, chieda una verifica della proposta prima della messa in opera. Nel dettaglio:
1) Lo spessore MINIMO di materiale coibente da utilizzare per una copertura in legno è di 18 centimetri, in particolare questo spessore è il minimo nei climi caldi, come difesa dal caldo estivo.
2) Una barriera vapore in quella posizione potrebbe anche non essere sbagliata a priori, ma molto probabilmente se i locali sottostanti sono climatizzati, durante l'estate il problema di condensa interstiziale potrebbe apparire in tempi brevi. Nel clima sardo, il materiale coibente dev'essere protetto »sotto« e »sopra« da un telo freno vapore ad sd = 2 metri, meglio ancora a teli freno vapore ad SD variabile.
3) Il materiale scelto come coibentazione non è adatto per tetti legno, in quanto l'EPS è sia un materiale rigido, sia leggero. Per garantire un idoneo isolamento acustico è necessario un materiale che sia pesante e poroso: consigliamo percio della fibra di legno naturale, con densità  compresa tra 80 e 160 kg/mc.
In merito alla sua domanda sull'apertura della ventilazione, una soluzione valida è con uno spessore compreso tra i 6 e i 10 cm di spessore di camera di ventilazione, con ingresso d'aria in gronda, e fuoriuscita dal colmo ventilato.


La mia domanda alla redazione...

Servizio gratuito di informazione tecnica. Condizioni del servizio.