Dovendo progettare il rifacimento di una copertura a doppia falda inclinata in un edificio storico è strettamente necessario eseguire una verifica di resistenza del tavolato?

anonimo: Devo progettare il rifacimento di una copertura a doppia falda inclinata in un edificio storico che dovrà avere una orditura secondaria costituita da travicelli in legno massiccio posti ad interasse 30cm; al di sopra dovrà essere posato un tavolato/perlinato in legno abete che dovrà resistere all'eventuale (modesto) carico neve e consentire l'accessibilità della copertura per svolgimento negli anni delle normali operazioni di manutenzione ordinaria.
In tale situazione è strettamente necessario eseguire una verifica di resistenza del tavolato? Volendo eseguire la verifica di resistenza, considerando ad esempio di impiegare un tavolato di classe C24, mi chiedevo quale sia lo spessore minimo consentito dalle norme per un perlinato in abete strutturale.

ultimo aggiornamento
28.07.2017 (26.06.2017)
Nr.: 18256


Risposta team esperti Marco Luchetti:

Al momento lo spessore viene definito a seguito dell’analisi dei carichi in gioco e in funzione della classe di resistenza richiesta al fornitore di tavolame. Per quanto riguarda la questione dimensionale e i relativi limiti nel processo di selezione del materiale, si accenna solo che le macchine di classificazione riportano nelle proprie ITT Table tali limiti a cui è possibile (secondo la normativa vigente) uno scostamento massimo da tali limiti del 10%. 


La mia domanda alla redazione...

Servizio gratuito di informazione tecnica. Condizioni del servizio.