E' possibile utilizzare travi in lamellare smantellate da una struttura esistente?

MATTEO ROLLO, UD (Ingegnere): Un mio cliente ha rilevato un capannone, con annesse delle tettoie a struttura portante in legno lamellare. Successivamente si è accorto che le tettoie erano abusive, le ha smantellate e ora vuole procedere a ricostruirle seguendo il corretto iter di progettazione e deposito. Il fatto è che non esiste alcuna documentazione relativa alle travi ed ai pilastri in legno lamellare. C'è un modo per poterli utilizzare? Deve rivolgersi ad un laboratorio abilitato ad eseguire le prove secondo la UNI EN 14080?

ultimo aggiornamento
09.04.2016 (23.10.2013)
Nr.: 15252

Categoria: Marcatura CE

Risposta team esperti Marco Luchetti:

Per quei prodotti che rispondono al requisito base 1 »Resistenza meccanica e stabilità « secondo il Regolamento Prodotti da Costruzione (quali ad esempio travature in legno massiccio e lamellare), le norme tecniche per le Costruzioni (NTC2008) prevedono i seguenti sistemi di qualificazione e certificazione, così come indicato al par. 11.1: 

- A. Marcatura CE;

- B. Qualificazione ministeriale (qualora si ricada nel perido di coesistenza della norma armonizzata al prodotto in questione)

- C. Certificato di Idoneità  Tecnica o Benestare Tecnico Europeo.

E’ necessario precisare che le NTC 2008, oltre alla certificazione del »materiale base« nel senso definito dalla Circolare 2.2.2009 CSLLPP (si tratta degli »elementi base in legno massiccio e/o lamellare non ancora lavorati a formare elementi strutturali pronti per la messa in opera«), prevedono la denuncia di attività  dei centri di lavorazione che a sua volta devono procedere alla relativa denuncia di attività , attraverso presentazione di documentazione presso il Servizio Tecnico Centrale.

Infine in relazione agli elementi strutturali in legno lamellare, preciso solo che la marcatura CE secondo la UNI EN 14080 è obbligatoria a partire da 1 Dicembre 2012. Tale norma prevede delle prove da effettuarsi periodicamente sui giunti e sulle linee di colla (EN 408; EN 391 e EN392). Certificare elementi finiti, non oggetto di tale iter, non risulta essere possibile. 

Quindi per quanto riguarda l’istruttoria dedicata all’accettazione dei materiali in cantiere e il successivo collaudo dell’opera non è possibile utilizzare tale materiale di recupero. 

Allo stesso tempo, preciso altresì che i materiali oggetto di recupero (in questo caso legno lamellare) non sono oggetto delle procedure di certificazione del Regolamento Prodotti da Costruzioni (Reg. 305/2011). Quindi consiglio un confronto con il progettista e la Direzione Lavori al fine di vagliare questa possibile soluzione.


La mia domanda alla redazione...

Servizio gratuito di informazione tecnica. Condizioni del servizio.