E' stato realizzato un tetto "caldo"che ha manifestato una cospicua presenza di acqua all'interno del pacchetto isolante. E' possibile che questa si verifichi in estate?

Dario Di Francesco, TE (Ingegnere): E' stato realizzato un tetto "caldo" (pertanto non ventilato) con un pacchetto così composto:
tavolato sp. 2,5 cm;
barriera vapore;
doppio strato di fibra di legno 8+8 = 16 cm;
freno vapore;
tavolato di chiusura cm 3,5;
quaina bituminosa impermeabilizzante;
tegola canadese;
Questa estate si è manifestata una cospicua presenza di acqua all'interno del pacchetto isolante (tra le due barriere vapore). Contattata la ditta che ha progettato e realizzato il tetto ci hanno liquidato sostenendo problemi di infiltrazione dalla guaina o dalle velux (ovviamente non installate dalla ditta stessa).
Fatti i dovuti controlli abbiamo escluso una possibile infiltrazione e siamo giunti alla conclusione che si tratta di condensa interstiziale. E' possibile che questa si verifichi in estate? (N.B. l'edificio è ancora disabitato)

ultimo aggiornamento
30.09.2014 (18.09.2012)
Nr.: 14324


Risposta team esperti Günther Gantioler:

Si, la condensa interstiziale estiva si forma soprattutto in occasione di abbassamento veloce della temperatura esterna (temporali, piogge estive, «¦). Senza sopralluogo la situazione non puo essere valutata bene. Ma in ogni caso la stratigrafia scelta a tetto caldo e chiuso con barriera di vapore è una delle piö pericolose rispetto alle condense interstiziali. Non per il pericolo di entrata vapore, che si ha cercato di evitare con le barriere al vapore (in teoria) ma al basso potenziale di evaporazione delle infiltrazioni o condense interstiziali dovuti a piccole imperfezioni di posa.

 


La mia domanda alla redazione...

Servizio gratuito di informazione tecnica. Condizioni del servizio.