Vorrei alcuni consigli a proposito di edifici ibridi in c.a., acciaio, X-Lam

Leonardo Madama, TO (Studente): Sto progettando un edificio in X-lam che è composto a livello strutturale in questo modo: piano sotto terra in C.A. compreso di solaio, pilastri circolari di acciaio al piano terra con solaio sempre in C.A. o laterocemento e poi 3 piani in X-lam.
Si tratta certamente di una struttura ibrida che cerca di far dialogare il piano terra commerciale su strada con piani 1, 2 e 3 residenziali. Vorrei sapere se esistono dei progetti realizzati applicando questo combinazione di tecnologie e cosa ne pensate.

ultimo aggiornamento
09.12.2016 (23.11.2016)
Nr.: 17787


Risposta team esperti Ing. Andrea Bernasconi:

Tutti gli edifici in XLAM sono realizzati con la parte interrata in calcestruzzo, e l'impiego di pilastri di acciaio non è raro, ma una opzione regolare, normale e usuale in questo contesto.

Il piano terra con geometria e struttura diversa dai piani superiori non corrisponde alla esigenze di base dell'ingegneria sismica e dovrebbe essere evitato, a meno che non si tratti di un piano terreno con struttura maggiorata, più rigida e più resistente di quanto sta sopra. Di regola la prima richiesta di progetto è esattamente opposta a ciò, e quindi poco consona, poco conforme e poco adatta. L'interruzione della struttura in c.a. al livello del primo piano pone anche qualche problema formale, in quanto l'orizzonte della struttura in legno - in questi casi - non può sempre essere ammesso per definizione all'interfaccia con il c.a.. La struttura è quindi composta da due materiali diversi e interagenti fra loro.

Non fosse che per rispettare le esigenze basilari di regolarità strutturale, è quantomeno caldamente consigliabile creare una continuità dei setti verticali, anche al piano terreno, e realizzare l'interfaccia fra struttura in legno e struttura in c.a. al livello del terreno, dove di regola si trova anche l'orizzonte della struttura in legno.    

 

 


La mia domanda alla redazione...

Servizio gratuito di informazione tecnica. Condizioni del servizio.