Ho una struttura con pareti perimetrali in legno massiccio (con strati di tavole incrociate connesse meccanicamente) e pareti interne portanti a telaio in legno con diaframmi chiodati. Come comportarsi col coefficiente di struttura q? E' sufficiente utilizzare il minore tra quello delle due tipologie o devo piuttosto orientarmi sul considerare come sismo-resistente solo una delle due tipologie?

Davide Vulcan, TN (Ingegnere): Ho una struttura con pareti perimetrali in legno massiccio (con strati di tavole incrociate connesse meccanicamente) e pareti interne portanti a telaio in legno con diaframmi chiodati.
Come comportarsi col coefficiente di struttura q?
E' sufficiente utilizzare il minore tra quello delle due tipologie o devo piuttosto orientarmi sul considerare come sismo-resistente solo una delle due tipologie?

ultimo aggiornamento
03.11.2013 (18.10.2013)
Nr.: 15245


Risposta team esperti Ing. Andrea Bernasconi:

La sismo-resistenza di una struttura non dipende da quali parti della stessa sono considerate tali, ma da come effettivamente la struttura si comporta. Il coefficiente di struttura q è una caratteristica della struttura nel suo insieme, e non dei singoli componenti, anche se questi devono - se del caso - rispettare determinate esigenze di comportamento dissipativo. Fatta questa premessa, e ricordato che i collegamenti fra i diversi componenti della struttura giocano in questo contesto un ruolo fondamentale - nella domanda non se ne parla - è utile ricordare che le pareti definite come esterne e quelle definite come interne dovranno interagire in caso di carico sismico. Volendo sfruttare la capacità  dissipativa di alcune parti della struttura, è giocoforza imperativo che le parti non duttili, o meno duttili, siano opportunamente protette tramite adeguata sovra-resistenza delle stesse. In tal caso le parti duttili chiamate a creare la capacità  dissipativa saranno determinanti per la definizione del corretto coefficiente di struttura.

 

Secondo questo principio, qualora la capacità  dissipativa della struttura fosse affidata effettivamente a elementi di tipo diverso agenti contemporaneamente in ambito dissipativo, sembra logico concludere che la capacità  dissipativa complessiva sia definita dai componenti a dissipazione piö limitata.

Che tutto cio non significhi che semplicemente si possa applicare al modello di calcolo il coefficiente di struttura piö sfavorevole delle varie tipologie con cui è stata composta la struttura portante nel suo insieme, ma che siano necessarie alcune considerazioni sul comportamento effettivo dell'intera struttura, appare piuttosto evidente.


La mia domanda alla redazione...

Servizio gratuito di informazione tecnica. Condizioni del servizio.