In una parete in XLAM composta da piö pannelli l'inserimento di hold-down in tutti i pannelli è da considerarsi qualitativamente peggiorativo o migliorativo?

anonimo: Nel momento in cui si possa tenere conto degli effetti dissipativi delle giunzioni fra panneli di parete affiancati e quindi adoperare un fattore di struttura per strutture dissipative, uno schema con hold-down in ogni spigolo di pannello (anche in quelli intermedi) altera significativamente l'interazione fra i pannelli, modificando quello che è il meccanismo disssipativo desiderato?
In ogni caso l'inserimento di hold-down in tutti i pannelli è da considerarsi qualitativamente peggiorativo o migliorativo? Cambia la situazione se l'impalcato è rigido o deformabile?

ultimo aggiornamento
09.07.2013 (28.03.2013)
Nr.: 14824


Risposta team esperti Ing. Andrea Bernasconi:

L'impalcato rigido o deformabile ha un effetto sulla distribuzione delle forze da parte dell'impalcato stesso; la questione puo essere vista in modo indipendente dalla configurazione e dalla composizione delle pareti, malgrado il comportamento delle pareti e la loro relativa rigidezza siano fattori determinanti ai fini dell'interazione fra impalcato e pareti. Ricordiamo che il concetto di impalcato infinitamente rigido è da intendersi in relazione alla rigidezza degli altri elementi della struttura, ragione per cui la rigidezza delle singole pareti non puo essere trascurata in questa analisi.

La parete composta da piö elementi senza l'ancoraggio di ogni singolo elemento è teoricamente possibile, qualora si ammetta che la forza di taglio all'estremità  di un elemento sia identica - ma di segno inverso - a quella dell'estremità  ad essa adiacente ma dell'altro elemento di parete. Teoricamente - ci ripetiamo - la cosa puo funzionare. Cio presuppone che non si presentino irregolarità  o asimmetrie, o altro, che modifichino questa ipotesi. È sufficiente una irregolarità  nei collegamenti, o nel solaio, o altrove, perché una forza differenziale possa manifestarsi come sollevamento di un elemento di parete. Sulla base di questo semplice ragionamento la disposizione di hold-down - o di altri tipi di ancoraggio - all'estremità  di ogni elemento di parete è quanto meno consigliabile e corrisponde ad una progettazione accurata e prudenziale. Quanto al dimensionamento di questi ancoraggi intermedi, il caso estremo è quello dell'ammissione del medesimo collegamento usato alle estremità  dell'intera parete, tenendo presente che così facendo si ammette la possibile "inutilità " dei collegamenti fra i diversi pannelli. Il dimensionamento esatto di questo collegamento imporrebbe la considerazione di tutte le rigidezze in gioco, e delle deformazioni effettive in ambito anelastico: è facile concludere che tali modelli di calcolo offrono un risultato teorico, spesso poco affidabile numericamente, e con tutta probabilità  poco corrispondente alla realtà .

La presenza di ancoraggi all'estremità  di ogni elemento di parete, all'interno di una unica parete composta da piö pannelli, è comunque una misura non peggiorativa. In alcuni casi tale misura puo essere parzialmente superflua, ma non pregiudica in alcun caso il corretto funzionamento strutturale dell'intera struttura.


La mia domanda alla redazione...

Servizio gratuito di informazione tecnica. Condizioni del servizio.