Le case in legno di attuale concezione sono sicure in caso di incendio?

anonimo: Si possono ritenere pressochè equivalenti il rischio e la sicurezza in caso di incendio per gli edifici in cemento armato/muratura e per le case prefabbricate in legno di attuale concezione?

ultimo aggiornamento
30.09.2014 (01.01.2013)
Nr.: 14565


Risposta team esperti Ing. Mauro Andreolli:

Per una risposta completa si rimanda al materiale già  pubblicato sul sito promo_legno, ed in particolare alla dispensa "Comportamento al fuoco delle strutture in legno", della quale riportiamo un breve estratto: 

"È noto che il legno è un materiale combustibile, questo pero non significa che le strutture di legno non possiedano resistenza al fuoco e che siano piö vulnerabili rispetto alle strutture di acciaio o di calcestruzzo armato specie se precompresso. Raramente le strutture di legno contribuiscono in modo sostanziale ad alimentare un incendio ma anzi ne subiscono piö spesso le conseguenze, manifestando al riguardo un comportamento almeno non peggiore se non addirittura migliore rispetto a strutture realizzate con altri materiali.

A riprova di quanto detto analizziamo gli aspetti salienti del comportamento di un elemento strutturale di legno soggetto ad incendio:

«¢ il legno brucia lentamente, la carbonizzazione procede dall’esterno verso l’interno della sezione;

«¢ il legno non ancora carbonizzato rimane efficiente dal punto di vista meccanico anche se la sua temperatura è aumentata;

«¢ la rottura meccanica dell’elemento avviene quando la parte della sezione non ancora carbonizzata è talmente ridotta da non riuscire piö ad assolvere alla sua funzione portante.

Pertanto la perdita di efficienza di una struttura di legno avviene per riduzione della sezione e non per decadimento delle caratteristiche meccaniche. Se poi si confronta il comportamento del legno con quello di altri materiali da costruzione piö tradizionalmente utilizzati nel nostro paese, verso i quali normalmente non c’è alcun pregiudizio rispetto alla loro resistenza nei confronti dell’incendio non essendo materiali combustibili, si capisce ancora meglio perché il legno non parta svantaggiato, ma anzi al contrario dell’opinione comunemente diffusa possa essere considerato addirittura preferibile:

«¢ gli elementi strutturali di acciaio non bruciano ma il materiale subisce un rapido decadimento delle caratteristiche meccaniche in funzione della temperatura;

«¢ nelle costruzioni di calcestruzzo armato la resistenza al fuoco è determinata dallo spessore del rivestimento delle armature metalliche (copriferro);

«¢ nelle strutture di legno i punti deboli sono le unioni che presentano elementi metallici a vista come scarpe, piastre, ecc.; queste, se non protette, sono le prime a cedere durante l’incendio.


La mia domanda alla redazione...

Servizio gratuito di informazione tecnica. Condizioni del servizio.