Nel prospetto 5 della UNI-EN 11035-2 è riportata l'equivalenza con le classi di resistenza riportate in EN 338. Se è prescritto larice S2 e viene fornito legno C22 posso accettare la fornitura?

anonimo: Nel prospetto 5 della UNI-EN 11035-2 è riportata l'equivalenza con le classi di resistenza riportate in EN 338. Per il larice nord di classe S2 si riporta l'equivalenza a C22 di EN 338. Confrontando, pero, i parametri di resistenza si notano alcune differenze significative: ad esempio, la resistenza a taglio per il legno S2 vale 3,8 MPa contro soli 2,4 MPa del legno C22. Vi chiedo: se è prescritto larice S2 e viene fornito legno C22 posso accettare la fornitura nonostante le differenze di resistenza evidenziate?

ultimo aggiornamento
10.10.2014 (03.07.2014)
Nr.: 15645


Risposta team esperti Marco Luchetti:

Dal 1 Gennaio 2012 è scaduto il periodo di coesistenza per l’applicazione della EN 14081-1 (»Strutture di legno – Legno strutturale con sezione rettangolare classificato secondo la resistenza – Parte 1: Requisiti generali«), quindi la marcatura CE per tale assortimento legnoso è cogente sul territorio comunitario.

Allo stesso modo, all’interno della EN 1912: 2012 sono state inserite le specie italiane e la relativa corrispondenza con le classi di resistenza.

Quindi, al fine di procedere all’accettazione della fornitura è indispensabile, nel caso in questione, che sia fatto riferimento alle classi di resistenza della EN 338. Quindi, nel caso di elementi massicci a spigolo vivo di larice occorre che sia oggettivamente comprovata l’avvenuta classificazione e attribuzione alla classe di resistenza corretta (C22 – S2; C18- S3).


La mia domanda alla redazione...

Servizio gratuito di informazione tecnica. Condizioni del servizio.