A cosa può essere dovuta la comparsa di molte macchioline nere su degli elementi in legno massiccio a seguito del trattamento degli stessi?

Enrico Manfrin, PD (Ingegnere): Attraverso un produttore locale ho installato un solaio e una copertura in legno massiccio non lamellare. A distanza di 3 mesi, applicando la seconda fase di impregnante (ad acqua) su alcune travi si sono manifestati milioni di puntini neri, a mio avviso muffa. Il produttore non risponde di questo inconveniente ma, a mio avviso, metto in dubbio che il materiale sia stato trattato adeguatamente da loro. Come posso procedere?

ultimo aggiornamento
02.03.2016 (15.01.2016)
Nr.: 16957


Risposta team esperti Ing. Massimo Del Senno:

L’adeguatezza del trattamento può essere valutata se un trattamento era stato previsto in fase di ordinazione del materiale. Le macchioline di cui si lamenta la comparsa su alcuni elementi possono essere dovute a muffe, ma si suggerisce un controllo (al limite tramite prelievo ed esame microscopico) da parte di persone con specifica competenza. Si raccomanda comunque di controllare l’umidità del materiale (anche di quello non interessato dal fenomeno) e il clima dell’ambiente di servizio (l’umidità del materiale deve essere inferiore al 20% per evitare l’attacco di funghi, e il clima deve essere tale da determinare umidità del materiale inferiore a questo valore). A questo proposito va aggiunto che dopo tre mesi l’umidità può essere significativamente diversa da quella all’atto della posa in opera. Se il solaio copre ambienti separati è evidente che bisogna controllare il clima di ciascun ambiente. Inoltre dato che la richiesta parla di “solaio e copertura” si ritiene che si tatti di due elemento distinti che individuano un ambiente (sottotetto) in cui la citata verifica del clima sarà di rigore, e per il quale si raccomanda di provvedere un’adeguata ventilazione.


La mia domanda alla redazione...

Servizio gratuito di informazione tecnica. Condizioni del servizio.