Per costruire una baita in legno con la tecnologia Blockhaus è necessario avere un ETA ?

anonimo: Lavoro da molti anni in una ditta come operaio specializzato che costruisce case ecologiche con panelli Xlam e tetti in legno. Non ho una ditta mia, posso costruire una baita a mio fratello con la tecnologia Blockhaus? O è necessario anche per me avere un ETA?

ultimo aggiornamento
04.11.2015 (16.12.2014)
Nr.: 16024


Risposta team esperti Marco Luchetti:

A tal proposito esiste un Parere della Prima Sezione del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici (prot. 11048), di cui si riporta per punti di seguito una breve sintesi:

-   Innanzitutto il parere chiarisce che nel caso del Blockhaus più che di un sistema costruttivo, è senz’altro più corretto parlare di una tecnologia costruttiva “di consolidata tradizione, soprattutto nelle aree geografiche nelle quali l’impiego del legno come materiale da costruzione trova larga diffusione”;

-   Successivamente lo stesso Parere riporta, basandosi sui documenti europei di riferimento (ETAG012) due distinte definizioni: la prima relativa a “sistema costruttivo”, la seconda relativa alla “tecnologia costruttiva”.

Quindi:

-    per sistema costruttivo deve intendersi un insieme di prodotti che costituiscono un opera di ingegneria oggetto di prefabbricazione, dimensionamento e produzione in serie. In questo caso, la progettazione e il relativo dimensionamento dell’intera opera non avviene più considerando i singoli prodotti, bensì prendendo come riferimento i profili meccanici potenzialmente attribuibili ai manufatti indicati nella Valutazione Tecnica Europea. Gli stessi profili meccanici degli elementi prefabbricati sono derivati attraverso metodi di prova e verifica così come stabilito all’interno delle specifiche tecniche applicabili e dal TAB (“Technical Assessment body”) di riferimento.

-   Per “tecnologia costruttiva” deve intendersi l’utilizzo di elementi strutturali qualificati secondo le disposizione previste al par. 11.1 (p.ti a, b, c), dimensionati secondo i metodi della scienza delle costruzioni sulla base delle formulazioni contenute nello  stesso DM 14.01.08 (NTC’08 ed ventualmente negli Eurocodici strutturali sulla base delle relativi appendici nazionali di cui al Decreto del 31 luglio 2012) da professionista abilitato che si assume la responsabilità delle calcolazioni effettuate e del rispetto dei requisiti di sicurezza strutturale e (laddove applicabile ) di resistenza al fuoco dell’opera. Lo stesso progetto deve essere depositato presso gli uffici competenti (quali ad es. Comune, Genio Civile ecc) così come definito all’interno della legislazione vigente

In conclusione qualora, non si rientri nella definizione di sistema costruttivo, così come riportato sopra, e qualora siano rispettate le regole di progettazione riportate dalle stesse NTC (a tal proposito si accenna che le verifiche statiche sui nodi di costruzioni blockhaus non sono concettualmente dissimili dalle verifiche che devono essere svolte per il nodo puntone-catena di una capriata tradizionale con giunti di carpenteria) non c’è nessun obbligo da parte del costruttore a richiedere ETA.


La mia domanda alla redazione...

Servizio gratuito di informazione tecnica. Condizioni del servizio.