Può il pannello OSB rilasciare sostanze tossiche in un ambiente chiuso senza circolazione di aria?

Giovanni Parisi, CR (Ente pubblico): Vorrei realizzare una cabina insonorizzata di circa 2m x 2m x 2m con pannelli osb. Quindi verrebbero utilizzati per contenere, tra un pannello ed un altro, del materiale per l'isolamento acustico. Tenuto conto di quanto finora letto su questo tipo di prodotto, mi chiedo se in un luogo cosi chiuso, con ricircolo dell'aria forzato, c'è il rischio di inalare sostanze tossiche per l'uomo.

All'interno di un prototipo realizzato da alcune persone si respira un odore molto forte che dopo un po ti tempo irrita la gola.

ultimo aggiornamento
04.07.2016 (20.06.2016)
Nr.: 17450


Risposta team esperti Ing. Massimo Del Senno:

Al di là di ogni altra considerazione, il soggiorno in un ambiente del volume di 8 mc senza ricambio d’aria (se questo deve intendersi con “ricircolo forzato”) non è in ogni caso raccomandabile. Questo a prescindere dal materiale impiegato: in particolare per quel che riguarda l’emissione di formaldeide, nel caso di OSB anche il ricorso a materiali in classe di emissione  E1, per l’accennata assenza di ricambi d’aria e il fattore di carico (area/volume) pari a 3 mq/mc concorre a sconsigliare il soggiorno.


La mia domanda alla redazione...

Servizio gratuito di informazione tecnica. Condizioni del servizio.