Qual è il coefficiente di ritiro volumetrico del larice?

anonimo: Una tavola radiale di larice dello spessore di 5 cm passa dall'U del 12% all'U del 9% e del 15%. Dovrei calcolare le variazioni di spessore. (Mi occorre il ritiro volumetrico del larice?)

ultimo aggiornamento
05.06.2017 (28.05.2017)
Nr.: 18186

Categoria: Specie legnose

Risposta team esperti Ing. Roberto Tomasi:

I coefficienti di rigonfiamento e ritiro per variazioni percentuali unitarie in funzione delle diverse direzioni anatomiche sono riportati nella seguente tabella in funzione delle specie legnose di conifera e di latifoglia .

Le deformazioni longitudinali (parallele alla fibra) sono quindi di un ordine di grandezza inferiori a quelle trasversali (radiali e tangenziali), pari, secondo la precedente tabella, ad 1/10000 per variazione di un grado di umidità  (questo significa una variazione di 0,1 mm per un asta di 1 m).

Diverso è il caso delle deformazioni trasversali (radiali e tangenziali): nel caso di deformazioni radiali di conifere si ha ca 1/1000 per variazione di un 1% di umidità . Dato che l'umidità  in corrispondenza del punto di saturazione delle fibre si aggira attorno al 25-30%, il ritiro che si ha passando alle condizioni "normali" (umidità  del 12%) puo essere stimato in 15/1000.

Per un approfondimento di queste tematiche si rimanda comunque al testo Hoepli "Strutture in legno" di Piazza, Tomasi, Modena


La mia domanda alla redazione...

Servizio gratuito di informazione tecnica. Condizioni del servizio.