Quale tipo di pacchetto di copertura è migliore per evitare condense?

Francesco Napolitano, RM (Architetto): Sto ultimando la progettazione di un edificio sportivo con struttura in legno lamellare. Al di spora della struttura portante ho intenzione di proporre l'utilizzo del pannello Habitat legno stek, ovvero un pannello sandwich strutturale legno.polistirene espanso.legno. Il polistirene espanso non è impermeabile al vapore, anzi è un materiale traspirante. Ho in mente due tipi di coperture:

TETTO NON VENTILATO: pannello sandwich . telo sottotetto impermeabile traspirante . strato separatore . rivestimento in zinco titanio a doppia aggraffatura. Questo pacchetto dovrebbe smaltire il flusso di vapore che passato allo stato liquido a contatto con l' esterno dovrebbe scorrere al di sopra del telo sottotetto traspirante, nello spessore dello strato separatore, ed infine andare in gronda.
TETTO VENTILATO: Pannello sandwich . telo sottotetto impermeabile traspirante . ventilazione listelli in legno perpendicolari alla gronda . Tavolato . guaina impermeabile di tipo elastomerico . copertura in zinco titanio a doppia aggraffatura. Questo pacchetto dovrebbe smaltire il flusso di vapore attraverso l'intercapedine di ventilazione formata dallo spessore dei listelli.

Sapendo che gli edifici verranno costruiti nella zona climatica D e che contengono palestre, piscine e altre funzioni sportive, quale dei due pacchetti funziona meglio al fine dello smaltimento del flusso di vapore? Quale evita la condenza interstiziale? Quale garantisce la maggiore durabilità  del legno? E' possibile pensare ad oggi un pacchetto con barriera al vapore disposta sulla faccia del coibente che riduca a zero la capacità  della copertura di traspirare?
Vi ringrazio anticipatamente

ultimo aggiornamento
27.11.2008 (19.11.2008)
Nr.: 8186


Risposta team esperti Günther Gantioler:

Per piscine nessuno dei pacchetti è adatto perchè marcirebbero in pochi anni per la condensa interstiziale. Per piscine deve comunque fare un rivestimento interno, barriera al vapore e poi almeno 20 cm di coibentazione di qualsiasi tipo, combinato a un impianto di ventilazione con deumidificazione.

Per l'uso sportivo normale invece va bene il secondo. Il primo non riesce in nessun caso smaltire l'umidità , perchè lo strato separatore normalmente è soltanto di pochi mm, massimo 1,5 cm.


La mia domanda alla redazione...

Servizio gratuito di informazione tecnica. Condizioni del servizio.