Riuscireste a risolvere l'ambiguità contenuta nelle definizioni di tipologie strutturali (Tab. 7.7.I NTC 08) al fine di stabilire il fattore di struttura da adottare nella progettazione delle stesse?

Luca Angeli, BO (Ingegnere): Riuscireste a risolvere l'ambiguità contenuta nelle definizioni di tipologie strutturali (Tab. 7.7.I NTC 08) al fine di stabilire il fattore di struttura da adottare nella progettazione delle stesse? In particolare non è chiara la distinzione tra pannelli di parete (chiodati o incollati) e diaframmi (chiodati o incollati).

ultimo aggiornamento
05.11.2015 (22.09.2014)
Nr.: 15800


Risposta team esperti Ing. Mauro Andreolli:

Sia le norme tecniche che l'Eurocodice 8 prevedono i seguenti fattori di struttura: q0 pari a 3 nel caso di "pannelli di parete chiodati con diaframmi incollati, collegati mediante chiodi e bulloni", q0 pari a 5 nel caso di "pannelli di parete chiodati con diaframmi chiodati, collegati mediante chiodi e bulloni". In particolare si può assegnare il valore massimo 5 nel caso di edifici tipo platform frame (ossia edifici intelaiati chiodati) pur di rispettare le prescrizioni relative alle zone dissipative fornite al paragrafo 7.7.3 delle NTC: il materiale di rivestimento di pareti e diaframmi deve essere di legno o di materiale da esso derivato, con uno spessore minimo pari a 4d e con diametro d dei chiodi non superiore a 3,1 mm. Qualora non tutte le prescrizioni indicate siano soddisfatte ma si assicura almeno uno spessore minimo del materiale di rivestimento pari a 3d si puo adottare un fattore q0 ridotto pari a 4.

Le norme non chiariscono in modo esaustivo la differenza tra le varie tipologie strutturali: la scelta del fattore di struttura va giustificata dal progettista, il quale deve garantire il raggiungimento di una duttilità  tale da poter giustificare l’adozione dei coefficienti q proposti. Dato che le zone dissipative sono localizzate per lo più nei collegamenti dei pannelli di parete e che gli orizzontamenti (diaframmi di solaio o di copertura) rivestono una funzione fondamentale nel ripartire le azioni tra le varie pareti e in genere un modesto contributo in termini di dissipazione energetica in seguito a sisma, la dipendenza dal tipo di diaframma (chiodato o incollato)  sembra eccessiva: va detto che è difficile valutare in modo tabellare la capacità  di dissipare di una struttura e che molte ricerche sono ad oggi in corso in tale campo.

Nell'interpretazione corrente delle norme si considerano tipicamente (senza pretendere di essere esaustivi):

 

  • pannelli di parete chiodati: pannelli di parete a telaio leggero con fogli di rivestimento (OSB, compensato) chiodati
  • pannelli di parete incollati: pannelli di parete a telaio leggero con fogli di rivestimento incollati (poco o per nulla utilizzati nel nostro Paese), pannelli XLAM
  • diaframmi chiodati: impalcati controventati con fogli di rivestimento  (OSB, compensato)  chiodati
  • diaframmi incollati:  impalcati in XLAM

Si riporta nella figura a lato quanto previsto dall'aggiornamento delle Norme Tecniche approvato nella seduta del 14/11/2014 dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici. Si nota principalmente la novità legata al fatto che i valori del fattore di struttura, oltre che dalla tipologia strutturale, dipendono in modo più chiaro anche dalla classe di duttilità.


La mia domanda alla redazione...

Servizio gratuito di informazione tecnica. Condizioni del servizio.