Solai in lamellare sdraiato e in XLAM presentano caratteristiche analoghe?

Maurizio Salerno, TO (Architetto): Stiamo realizzando una sopraelevazione su un fabbricato esistente volta a creare 3 nuovi piani abitativi. La struttura portante della sopraelevazione l'abbiamo pensata in Xlam. Alcuni potenziali fornitori ci hanno prospettato, per i solai, il lamellare sdraiato in luogo dei pannelli incrociati.
Potrei sapere, se possibile, i pro ed i contro di tale soluzione nella realizzazione di un fabbricato multipiano come nel nostro caso?

ultimo aggiornamento
19.04.2017 (16.03.2017)
Nr.: 18014


Risposta team esperti Ing. Andrea Bernasconi:

Il lamellare sdraiato deve essere considerato come una serie di travi di legno lamellare poste una accanto all'altra, mentre la soletta in XLAM può essere considerata come una soletta massiccia a tutti gli effetti. Si tratta quindi di due cose fondamentalmente diverse e non di due soluzioni simili e tanto meno di due alternative equivalenti. 

Le travi di lamellare sdraiato sono soggette alle variazioni dimensionali di rigonfiamento e ritiro del legno nella direzione trasversale alla fibrature, e cioè nella direzione della larghezza delle travi sdraiate. La normale variazione ciclica  stagionale delle condizioni climatiche all'interno degli spazi abitati e riscaldati provoca una variazione di questa dimensione di ca 10 mm per ogni metro di larghezza. Quanto basta per dover prevedere una intercapedine - visibile o nascosta - fra le travi. Si tratta di un accorgimento costruttivo che non ne mette in discussione l'applicazione. L'impiego di pannelli XLAM con comporta questo problema ed è quindi più semplice. 

Dal punto di vista strutturale, le travi sdraiate devono essere considerate come travi indipendenti una dall'altra, e visto che devono poter assorbire le deformazioni dovute a ritiro e rigonfiamento, è praticamente impossibile collegarle fra loro a formare una lastra rigida. Sopra a queste travi viene di solito realizzato uno strato controventante con un pannello sottile di OSB, o di compensato di sfogliati, in modo da irrigidire il solaio e assicurare la stabilità della struttura. Va ricordato che anche - ipoteticamente - collegando le travi sdraiate fra loro, il loro effetto di controventatura orizzontale resta molto limitato e poco affidabile, in quanto la direzione perpendicolare all'asse principale delle travi corrisponde a quella perpendicolare alla fibratura ed è caratterizzata da una rigidezza molto debole e da una resistenza praticamente nulle a causa anche della possibile formazione di fessure da ritiro. L'impiego di pannelli XLAM permette di realizzare lastre orizzontali molto rigide anche qualora i collegamenti fra i singoli elementi XLAM siano ridotti o dimensionati per forze ridotte; si tenga comunque conto in caso di strutture complesse della ridotta rigidezza dei collegamenti semplici.   

Nel caso delle travi sdraiate, la struttura è da vedere come una serie di travi, su cui sono posati e collegati gli elementi di irrigidimento orizzontale, che a loro volta dovranno essere collegati con gli elementi irrigidenti delle pareti. Nel caso di solette in XLAM i collegamenti con le pareti sono parte integrante della soluzione del giunto parete-soletta-parete.  

A nostro modo di vedere non ci sono ragioni per usare solai formati da travi di legno lamellare sdraiato in una struttura con pareti XLAM, in quanto si rende necessaria la posa di elementi di stabilizzazione orizzontale supplementari. La maggior prestazione strutturale a flessione delle travi di lamellare sdraiate, rispetto all'XLAM di medesimo spessore, non dovrebbe essere tale da creare pregiudizio o da richiedere uno spessore maggiore della soletta XLAM. La ridotta stabilità dimensionale delle travi di lamellare sdraiata, in caso di pareti XLAM, è solo fonte di complicazioni supplementari. 

Il minor costo del lamellare rispetto all'XLAM - che a nostro modo di sapere è al giorno d'oggi piuttosto ridotto - è sicuramente più che compensato dalla necessità di andare a formare una controventatura irrigidente supplementare. Inoltre le travi di lamellare sdraiate hanno spesso una larghezza che non supera il metro, con tutta probabilità per le ragioni indicate sopra. Gli elementi di soletta XLAM hanno invece di regola larghezze ben più grandi, che spesso sono di ca. 2,50 m o oltre, riducendo il numero di collegamenti e giunti di montaggio, e rendendo il montaggio decisamente più rapido ed efficace.       


La mia domanda alla redazione...

Servizio gratuito di informazione tecnica. Condizioni del servizio.