Sono a richiedere un parere riguardo una parete a telaio isolata con fibra di legno e chiusa internamente ed esternamente con pannelli OSB. Ho letto che, mentre all'interno l'OSB va bene, all'esterno sarebbe sbagliato metterlo perchè è un freno a vapore e non permetterebbe all'umidità  che eventualmente si trova all'interno della parete di uscire

Luca Grandi, TN (Geometra): Sono a richiedere un parere riguardo una parete a telaio isolata con fibra di legno e chiusa internamente ed esternamente con pannelli OSB.
Ho letto che, mentre all'interno l'OSB va bene, all'esterno sarebbe sbagliato metterlo perchè è un freno a vapore e non permetterebbe all'umidità  che eventualmente si trova all'interno della parete di uscire. E la soluzione consigliata per ovviare a cio è montare un tavolato a 45° all'esterno in modo che garantisca ugualmente la controventatura e permetta il passaggio dell'umidità . Ma io mi chiedo, visto che il valore µ dell'osb è di circa 40 e quello del legno uguale, allora dov'è la differenza se viene posato tavolato, osb o anche pannello di monostrato all'esterno della parete? Non è che magari va bene il tavolato perchè si considera che il vapore possa uscire sulle giunture tra un'asse e l'altra del tavolato?

ultimo aggiornamento
05.11.2015 (28.02.2011)
Nr.: 11554


Risposta team esperti Günther Gantioler:

Una parete a telaio realizzata con pannellatura OSB sia all'interno sia all'esterno non è sbagliata a priori, dipende dal clima in cui l'edificio è sito. Nel caso in cui, nel clima specifico, una pannellatura esterna OSB risulti essere un freno al vapore troppo chiuso, allora si rende necessario procedere con la soluzione da Lei descritta:

  • Pannello OSB interno

  • coibentazione tra le travature portanti

  • pannellatura inclinata 45°, non è necessario che le tavole siano adiacenti.

  • Telo traspirante

  • cappotto esterno

  • finitura superficiale esterna.

Le tavole di legno, anche qualora fossero maschiate e inchiodate una a fianco dell'altra, dal punto di vista del vapore non costituiscono un »continuo« e sono pertanto aperte alla diffusione vapore, così come avviene per le perline interne di un tetto in legno. Diverso è il discorso dei pannelli OSB, che sono costituiti da strati multipli orientati di spaccato di legno e collante, che invece costituisce un continuo. Ricordiamo inoltre, che i pannelli OSB, per essere utilizzati anche come strati di »freno vapore« devono necessariamente essere nastrati sui giunti con gli appositi nastri a tenuta d'aria.

 


La mia domanda alla redazione...

Servizio gratuito di informazione tecnica. Condizioni del servizio.