Vorrei alcuni riferimenti utili per analizzare il ciclo di vita dei prodotti a base di legno.

mirko maccarronello, CT (Altro: studente): Sto centrando le mie ricerche per la tesi sulla sostenibilità  e sulla Efficenza Ambientale nell'edilizia, durante l'intero ciclo di vita del manufatto che va dall'estrazione dei materiali alla costruzione, dal funzionamento alla demolizione. Per questo motivo vorrei analizzare il ciclo di vita del legno, per poterlo anche confrontare con il calcestruzzo cosi tanto utilizzato nel nostro paese, materiale che utilizzero nel progetto finale.

ultimo aggiornamento
01.04.2012 (21.03.2012)
Nr.: 13819


Risposta team esperti Ing. Roberto Tomasi:

Nel catalogo on-line www.dataholz.it puo trovare una valutazione ecologica delle costruzioni e dei prodotti a base di legno effettuata dall'à–sterreichisches Institut fúr Baubiologie und -ôkologie.

Nella diverse scheda tecniche vengono riportati i seguenti indicatori ecologici: 

  • Potenziale di riscaldamento globale (GWP)
  • Acidificazione potenziale (AP)
  • Consumo di risorse energetiche rinnovabili e non (PEC r, PEC nr)
  • Creazione di ossidanti fotochimici (POCP)
  • Eutrofizzazione (EP)
  • Indice ecologico OI3Kon calcolato
GWP

Per le sostanze con effetto serra piö utilizzate viene definito un parametro sotto forma di potenziale di riscaldamento globale GWP (Global Warming Potential) in relazione alla sostanza guida anidride carbonica (CO2). Questo potenziale di riscaldamento globale definisce il contributo di una sostanza all'effetto serra rispetto al contributo di una quantità  equivalente di anidride carbonica.

AP

L'acidificazione è causata principalmente dall'interazione fra gas di ossido di azoto (NOx) e gas di biossido di zolfo (SO2 ) con altri elementi presenti nell'atmosfera come il radicale ossidrile. La misura della tendenza di un elemento a diventare acidificante corrisponde al suo potenziale di acidificazione AP (Acidification Potential). Per ogni sostanza acidificante viene indicato il valore in rapporto al potenziale di acidificazione del biossido di zolfo.

PEC r e PEC nr

Per "consumo di energia primaria" si intende il fabbisogno di risorse energetiche necessarie per la fornitura di un prodotto o di un servizio. L'indicatore è suddiviso in risorse energetiche rinnovabili (r)e non rinnovabili (nr). Le risorse energetiche non rinnovabili comprendono petrolio, gas metano, carbone e uranio. Le risorse energetiche rinnovabili sono legno, energia idrica, energia solare ed energia eolica. 
Il consumo di energia primaria non rinnovabile viene calcolato in base al potere calorifico massimo di tutte le risorse energetiche non rinnovabili, mentre il consumo di energia primaria rinnovabile viene ricavato dalle risorse energetiche rinnovabili che sono state impiegate nella catena di realizzazione del prodotto.

POCP

Sotto il nome di ossidanti fotochimici (o smog fotochimico) vengono raggruppati tutti i gas organici nocivi che portano alla formazione fotochimica (in presenza di radiazione solare) di ozono troposferico, in particolare composti di ossido di azoto e anidridi carboniche dai gas di scarico. L'ozono è il prodotto piö rilevante di questa reazione fotochimica.

EP

Il potenziale di eutrofizzazione EP quantifica il contributo di una sostanza contenente azoto o fosforo alla produzione di biomassa.

OI3Kon

L'indice ecologico delle costruzioni edilizie OI3Kon viene ricavato dai tre indicatori ecologici PEC nr (consumo di risorse energetiche non rinnovabili), GWP (potenziale di riscaldamento globale) e AP (potenziale di acidificazione). L'intervallo di valori dell'indice OI3Konvaria per le costruzioni abituali da -30 a 120 punti circa. Maggiore è il valore OI3Kon, maggiore è il costo ecologico della costruzione. I punteggi negativi si ottengono solo con costruzioni particolarmente ottimizzate sotto il profilo ecologico.


La mia domanda alla redazione...

Servizio gratuito di informazione tecnica. Condizioni del servizio.