Vorrei avere una valutazione a proposito della stratigrafia di una copertura in legno con guaina ardesiata

mauro macor, TS (Geometra): Una casetta che sto rifacendo aveva il tetto in latero cemento. E' stato eliminato e ricostruito in legno posando sull'orditura principale un tavolato sul quale verra' posizionato un freno al vapore, un isolante da 10 cm e si pensa di completare con una guaina ardesiata saldata a caldo. Visto che esiste un sottotetto non praticabile, la domanda e': sarebbe opportuno creare degli sfiati sulla copertura (coppo a sfiato) appoggiati sul freno a vapore per permettere l'uscita dello stesso e non blindarlo con la guaina ardesiata?

ultimo aggiornamento
05.11.2015 (30.11.2011)
Nr.: 13453


Risposta team esperti Günther Gantioler:

La stratigrafia va rivista: la sua idea di fondo ha centrato il problema (il vapore non ha alcun modo di uscire, in quanto ingabbiato dalla guaina ardesiata!) ma purtroppo non la soluzione: in nessun caso è consentito bucare, tagliare o interrompere un telo freno vapore. Il piö delle volte è necessario nastrare il telo sui giunti e sui sormonti per evitare possibili punti deboli e percorsi preferenziali per l'umidità .

Rimane il fatto inequivocabile che soli 10 centimetri di coibente non sono sufficienti a garantire la corretta isolazione termica in un clima come quello di Trieste: questo spessore va raddoppiato. Manca inoltre uno strato di ventilazione. Le consigliamo di continuare ad informarsi su questo sito, confrontando le centinaia di stratigrafie che consigliamo.


La mia domanda alla redazione...

Servizio gratuito di informazione tecnica. Condizioni del servizio.