Vorrei delle indicazioni sugli eventuali trattamenti utili per migliorare la durabilità del legno di quercia

anonimo: Ho dei pezzi di quercia appena tagliati, quindi ancora umidi, e vorrei farne un tavolino e due sgabelli. Volevo sapere se devo usare prodotti parassitari e se devo usarli ora o quando il legno sarà asciutto. Vorrei anche ottenere un buon rivestimento del legno che lo protegga, eventualmente, da acqua o liquidi e comunque che protegga la sua superficie.

ultimo aggiornamento
06.11.2017 (02.10.2017)
Nr.: 18446


Risposta team esperti Ing. Massimo Del Senno:

Un manufatto in legno deve essere sempre realizzato con materiale condizionato all’umidità di equilibrio con il clima prevedibile in servizio. Se, come sembra in questo caso, i manufatti (tavolino e sgabelli) sono destinati ad uso interno si dovrebbe portare il materiale all’umidità del 12%, condizione che mette il materiale al sicuro dagli attacchi fungini. Il durame di quercia (Farnia o Rovere) è naturalmente resistente agli attacchi di insetti (termiti escluse per le quali la norma UNI EN 350, 2016 indica una “moderata durabilità”), quindi non sarebbero necessari (per l’impiego ipotizzato) trattamenti protettivi di sorta. Un’eventuale finitura “liscia” (anche l’applicazione delle finiture richiede un substrato con umidità corrispondente alle istruzioni del produttore del materiale di finitura) favorisce la pulizia del manufatto e ne protegge (se il prodotto è adeguato) la superficie da inconvenienti estetici (macchie ecc.).


La mia domanda alla redazione...

Servizio gratuito di informazione tecnica. Condizioni del servizio.