Vorrei un chiarimento in merito al coefficiente Ksys per l'XLAM

anonimo: In merito al coefficiente Ksys non mi è chiaro se il numero di "lamelle" indicato nella figura 6.12 dell'EC5 (UNI EN 1995-1-1:2014) è da riferirsi al numero di strati che compongono un multistrato come l'XLAM oppure al numero di tavole dello stesso strato ma disposte una in fianco all'altra? Mi spiego con un esempio: consideriamo un pannello XLAM a 3 strati largo 200 cm con tavole larghe ciascuna 20 cm. Ksys si calcola con n=3 o con n=200/20=10, naturalmente nel rispetto del valore massimo che viene indicato in 1.1 (chiodati) o 1.2 (incollati). A tale proposito, verrebbe da pensare che per l'XLAM il Ksys massimo sia 1.2 (essendo le tavole incollate), mentre nelle vostre dispense indicate come massimo 1.1. Per quale motivo?

ultimo aggiornamento
21.10.2016 (28.09.2016)
Nr.: 17639

Categoria: Calcolo XLAM, Eurocodici

Risposta team esperti Ing. Andrea Bernasconi:

Il coefficiente di sistema si riferisce agli elementi agenti in parallelo, cioè ai quali si impone la medesima deformazione tramite un vincolo geometrico. Nel caso dell'XLAM sollecitato a flessione, le lamelle esterne si trovano esattamente in questa situazione. Il valore di ksys deve quindi essere calcolato con il numero di lamelle che si trovano una accanto all'altra: nell'esempio della domanda, con 2 m di larghezza dell'elemento inflesso e 200 mm di larghezza delle lamelle si ottiene n = 10.

Il valore massimo di ksys indicato dalll'EC5 citato è effettivamente 1,2, ma si riferisce in modo specifico ai sistemi di lamelle verticali incollate fra loro o con precompressione trasversale. Al momento di definire i valori di resistenza dell'XLAM il valore massimo e generale di ksys era definito come 1.1. Le basi di calcolo e di definizione della resistenza dell'XLAM sono state definite partendo da questo valore, che è stato riportato nelle dispense dei nostri corsi. Nel testo di diverse omologazioni di prodotto per elementi XLAM si trova il medesimo valore.

Non ci sono al momento attuale ragioni per modificare questo valore in relazione all'XLAM; anzi la calibratura delle procedure di dimensionamento e la definizione dei valori di resistenza è basata attualmente su un valore di ksys = 1.1. E questo malgrado il valore massimo indicato nella EC5 attuale sia di 1.2; in alcuni testi di normativa il riferimento alle sole lamelle verticali è effettivamente stato tralasciato o eliminato. 

Aggiungiamo una nota di commento più generale. I diversi coefficienti contenuti nelle prescrizioni di calcolo sono spesso definiti per casi specifici ben definiti, e solo in un secondo tempo il loro impiego si allarga a casi più generali. Incongruenze dovute all'evoluzione di tutte le procedure e del castello normativo in generale non possono - purtroppo - essere evitate. Spesso la giustificazione di alcuni valori numerici sembra a prima vista molto semplice e immediata; col tempo l'evoluzione e la modifica dei diversi coefficienti cambia, non sempre a favore di chiarezza e semplicità - purtroppo. Le osservazioni contenute nella domanda, quindi, sono pertinenti e condivisibili. Speriamo di aver potuto dare una risposta esauriente.      


La mia domanda alla redazione...

Servizio gratuito di informazione tecnica. Condizioni del servizio.